A fianco delle Imprese per favorire il lavoro e l'occupazione

Pubblicato il 29 febbraio 2020 • Commercio , Comune , Tributi Via XX Settembre, 10, 13894 Gaglianico BI, Italia

Il Comune di Gaglianico ha aderito con una specifica delibera al programma per misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi ai sensi dell’art. 30–ter della Legge 28 giugno 2019 n. 58.
Con questa azione le aziende che riapriranno l'attività dopo un periodo di chiusura superiore ai 6 mesi, o che si amplieranno, saranno esentate dal pagamento dei tributi comunali dovuti (TARI, TASI, IMU, COSAP/ TOSAP, IMPOSTE SU PUBBLICITA’).

Tra i settori ammessi Commercio, Artigianato, Turismo.

Tale agevolazione avrà durata a partire dall’anno della riapertura o ampliamento e per i 3 anni successivi.

Dichiara il Sindaco Paolo Maggia: «Già in passato l’Amministrazione Comunale da me guidata in occasione della predisposizione del bilancio di previsione e di quello pluriennale (anni 2006/2008) aveva deliberato uno Schema di Regolamento molto simile per la concessione di contributi e sussidi atti a favorire la nascita di nuove attività artigianali ed industriali sul territorio. Oggi più che mai - prosegue Maggia - è necessario sostenere l'economia e le aziende che purtroppo in questi anni stanno soffrendo parecchio. Gaglianico rappresenta un polo molto importante per l'intera economia Biellese, per questo intendiamo schierarci ancora una volta a fianco degli imprenditori adesso con questi incentivi ed in futuro anche con altri stimoli e azioni di marketing di promozione delle aziende del territorio; a questo punto confidiamo che tutto il resto del Biellese ci segua in iniziative come queste perché solo così possiamo creare benessere ed occupazione».

E' possibile reperire tutte le informazioni e la documentazione nella sezione:

Si comunica che a seguito dell’approvazione del d.l. 162 del 30/12/2019 (Milleproroghe) per l’anno 2020 il termine per la presentazione delle domande a sostegno delle imprese è stato prorogato, solo per l’anno 2020, al 30 settembre 2020.